Post

Visualizzazione dei post con l'etichetta Viaggi

Argomenti




Acropoli di Cuma

Immagine
Il parco Archeologico di Cuma è il più antico dei Campi Flegrei. Ci troviamo in Campania in provincia di Napoli. L'area aperta al pubblico offre la parte più suggestiva del territorio. Monumenti pieni di storia e mito e la suggestione del paesaggio costiero, dominato dall'alto, ancora selvaggio. Oltre al tempio di Apollo a al tempio di Giove, che sono posizionati sull'ultimo terrazzamento dell'acropoli, è possibile visitare la suggestiva attrazione della "Antro della Sibilla" opera difensiva in età Romana. Chiamato così , perchè il suo scopritore riconobbe in essa il luogo dove la sibilla, ossia la profetessa del dio Apollo, riceveva i fedeli e prediceva il loro futuro. Sono anche molto suggestive i 13 segni ritrovati, nelle vicinanze dell'Antro, nel 1995, che rappresentano il calendario lunare. Di seguito il breve video: Lunga la via Sacra che porta al Tempio di Giove abbiamo fatto qualche foto e catturato i fantastici colori dell'

Cina e Tibet (eps. 15 ) Yangshuo-Xi'an

Immagine
Cina e Tibet   (eps. 15 ) Yangshuo-Xi'an Giorno 16 1) L'ostello provvede anche per il transfer da Yangshuo all'aeroporto di Guilin (1h e 30, 300 yuan). Ma c'è un problema. La strada verra chiusa alle 6 per una gara di triathlon. Appuntamento alle 5:50. Alla notizia, raggiungo il Nirvana e scomodo Buddha. La notte avevamo spento il clima per non prenderci un malanno. Risultato: io ho lasciato la mia Sindone sul letto, mentre il mio sangue è generosamente concesso alle zanzare. Il volo è alle 9:35 con Air Changan per Xi'an. In aeroporto cerchiamo di fare il check-in. Ma c'è un problema. Non c'è il desk sul cartellone. Alle informazioni non parlano inglese. Ovviamente. Troviamo il desk. Facciamo la fila sbagliata. Carichiamo I bagagli sul nastro e...c'è un problema. La compagnia è una low cost. Non prevede bagaglio imbarcato (360 yuan). Pago. Ma...il bagaglio è sospetto e dev'essere ispezionato. Nostra Signora dell'Incoronata. Riusciamo a

Cina e Tibet (eps. 14 ) Guilin-Yangshuo

Immagine
Cina e Tibet   (eps. 14 ) Guilin-Yangshuo Giorno 15 1) Partenza dall'M Hostel di Guilin alle 7:40 per la crociera lungo il fiume Li che ci porterá a Yangshuo (costo 450 yuan. 480 a/r). Il costo è elevato perché organizzato dall'ostello. Puó darsi che con le agenzie di.viaggio di Guilin si risparmi. Tuttavia, pare che solo le compagnie autorizzate dal Governo possano arrivare a Yangshuo. Le altre imbarcazioni possono fare solo brevi tratte. Ció spiega anche il costo. Oltre al fatto che questo paesaggio è cosí noto in tutta la Cina che è presente persino sulla banconota da 20 yuan. Oggi è sabato e ci sará il macello. Ci viene a prendere un minibus che fa 200 metri e ci scarica su un autobus. Quest'ultimo fa il giro di tutti gli alberghi con una guida che parla senza soluzione di continuitá.Il nostro autista guida con i piedi. No. Non è una metafora per dire che guida male. Letteralmente. Guida con I piedi sul cruscotto. Evidentemente é una posizione comoda. Per lu

Cina e Tibet (eps. 13 ) Guilin - Ping'an

Immagine
Cina e Tibet   (eps. 13 ) Guilin - Ping'an Giorno 14 1) All'arrivo alla stazione di Guilin nord, cerchiamo un taxi. Un tipo è molto insistente e ci segue. Gli diciamo di no, ma lui è un tassista regolare, non abusivo. Bene,mostro la prenotazione in cinese di booking. Purtroppo, l'indirizzo è scritto solo in inglese. Il tassista non capisce. Provo io. Zhishan road, Zishan Lu. Jichang (aeroporto)? Mi fa lui. No, Zhishan, near Houche zhan (stazione ferroviaria di Guilin). Wooooooo, fa lui. No, tutuuuu, ciuff ciuff, faccio io. Guilin Houche zhan. Andiamo avanti buoni 10 minuti. Alla fine, ha l'illuminazione. 2) Buttiamo giú dal letto il proprietario dell'ostello e lo costringiamo alle 5 di mattina ad organizzarci un tour privato. Vogliamo sfruttare l'ora mattutina e partire subito per le risaie a terrazza di Longji. Il primo autobus parte, infatti, alle 8 e arriva a Dazhai non a Ping'an, alle 12:30. Alle 4 è il rientro. Tour privato allora (440

Cina e Tibet (eps. 12) Zhangjiajie-Changsha-Guilin

Immagine
Cina e Tibet   (eps. 12) Zhangjiajie-Changsha-Guilin   Giorno 13 1) Sveglua di buon ora per andare a visitare la montagna Tianmen e poi prendere il treno alle 14:14 per Changsha dove prenderemo il notturno per Guilin. Alla montagna Tianmen si accede o con andata in funivia (la piú lunga del mondo) e ritorno in autobus per la strada dei 999 tornanti (una delle piú pericolose del mondo) o viceversa (258 yuan). Noi volevamo vedere l'essenziale e la strada volevo evitarla ma non è possibile. Andiamo controcorrente ai cinesi e prendiamo la funivia per le 8:30. Scenderemo in autobus e che Buddha ci accompagni. In mezz'ora copriamo I 1500 metri di dislivello e siamo in cima alla montagna. La funivia è a dir poco spaventosa. Sotto c'è il vuoto. Almeno 500 metri. In cima c'è un cartello con tante facce giovani su. Il sito è infatti tappa di amanti di sport estremi, ma l'effetto è quello di un necrologio. La nebbia è tanta, ma qualcosa si vede. Prendiamo

Cina e Tibet (eps. 11) Zhangjiajie

Immagine
Cina e Tibet   (eps. 11) Zhangjiajie Giorno 12: Zhangjiajie 1) Riusciamo a dormire nonostante tutto e l'indomani ci presentiamo con le valigie di nuovo all'ostello. Il tempo è pessimo. Piove a dirotto. Il proprietario della bettola ci ricorda delle chiavi.  All'ostello lasciamo le valigie e cerchiamo il bus per Zhangjiajie. Giriamo inutilmente per un'ora intorno alla stazione degli autobus prima di trovarne l'ingresso che è proprio sulla piazza della stazione ferroviaria. Vedo due cinesi con grandi zaini. Li seguiamo. Siamo sull'autobus giusto (12 yuan). Stiamo andando al Zhangjiajie national park, patrimonio UNESCO. Sembra che gli autori di Avatar abbiano tratto ispirazione da qui per la scenografia di Pandora. Lo scenario è fatto da suggestive colonne carsiche alte centinaia di metri e larghe 4 o 5. Spesso sono avvolte nella nebbia. Solo che oggi piove e c'è nebbia. Piú che Pandora mi ricorda Trezzano sul Naviglio. Entriamo dall'in

Popular Posts

Gösser la Birra Austriaca

Loburg, lo champagne delle birre

Paestum 2018: Festival delle Mongolfiere