Header Ads

Pinsa Romana

Vi proponiamo una ricetta che risale all'antica Roma e tutt'ora la si può gustare nelle trattorie di Roma per accompagnare i contorni.



Il termine Pinsa deriva dal termine latino ” Pinsere” che significa allungare.
La Pinsa Romana o Pinsa Romana Bianca, si distingue dalla normale pizza per la sua forma ovale e allungata, per l’impasto composto da un misto di farine frumento, soia e riso  e per  l’alta idratazione,  ciò la rende molto più leggera e digeribile.
Le caratteristiche principali quindi sono la forma ovale, la fraganza ( esterna croccante e interna morbida ), l’alta digeribilità dovuta ai lunghi tempi di maturazione e lievitazione, che avviene con pochissimo lievito e in frigorifero e dalla combinazione di farine composta come dicevamo da frumento riso e soia.

Questa ricetta la si può fare sia con il lievito che con quello a secco.

Ingredienti per 4 pinse

650 g di farina di tipo "0"
30 g di farina di riso
20 g di farina di soia
500 ml di acqua
100 gr di lievito madre rinfrescato
10 g di sale
10 g di olio estravergine di oliva.




Preparazione:

Mescoliamo lievito madre e acqua fino a completo scioglimento.Aggiungiamo olio e sale. Mescoliamo Bene.
Aggiungiamo le farine, poco alla volta.
Una volta utilizzate tutte, ci ritroveremo con un impasto un pò appiccicoso.
Ora si possono seguire due strade:

Lievitazione lunga



A questo punto mettiamo in frigo per 24 ore circa, dopo, possiamo decidere, se riprendere l'impasto e far passar altre 24 in frigo oppure formare i panetti, stendere l'impasto come nel video, e far crescere per 4 ore circa.
Il consiglio e mettere il forno a 250 gradi per i primi 5 minuti poi scendere a 200 per i rimanenti 6/7 minuti.
Le Pinse si possono condire con prodotti a crudo, tradizionale, oppure mettere gli ingredienti per una cottura al forno, tipo focaccia.




Lievitazione breve
In questa panificazione, abbiamo fatto lievitare normalmente l'impasto per 6 ore, re-impastato, formato le pinse e fatto lievitare per altre 4 ore.
Il consiglio e mettere il forno a 250 gradi per i primi 5 minuti poi scendere a 200 per i rimanenti 6/7 minuti. Di seguito le foto del risultato:




Personalmente la procedura chiamata "lievitazione lenta" la pinsa è venuta più schiacciata, mentre la procedura chiamata" lievitazione breve" la pinsa è risultata più cresciuta.
Il gusto è uguale in entrambe.

Link Correlati:

Il lievito madre

Tartine al salmone 

Grissini con il lievito madre 

Biscotti con lo zucchero di canna 

Biscotti con farina integrale 

Biscotti alle nocciole di Avella

Biscotti con la farina di riso 

Brioche ciambella e cioccolato 

Brioches al'lolio di semi

La roveja 

Pinsa romana

Bretzel con il lievito madre 

Brioches al miele di sulla 

Muffin al cacao

Brioche al ripieno di cioccolato

Focaccia alla birra dopple bock

Pane alla birra e mandorle

Pane con farina di soia

Lievito madre e trebbie di birra

Biscotti alle trebbie di birra

Cornetti al miele con lievito madre

Pagina Aggiornata al 29/10/2019

www.temporealechannel.com

#temporealechannel
#pangocciole #miele #cioccolato #lievitomadre # latte #farina #oliodioliva #sale #dolci
#quellidellievitomadrea #food #foodblog

Sponsorizzazione:

www.temporealechannel.com
#temporealechannel
#pane #farina #lievitomadre #mandorle #food #beer #foodporn #berraartigianle #cucina
#brioche #briocheknitting #briochedoree #briochestitch #briochefrenchtoast #briochecongelato #briochemaison #briocheperdue #briochebread #briochecoltuppo #briochefeuilletée #briochesiciliana #briocheallthethings #briochetressee #briochesrd #briocheauxpralines #briocheausucre #briochebutchy #briochevron #briochepasquier #briochenanterre #briochegirl #briochesalata #briochesthlm #briocheshawl #briochevegan #briocheburgerbuns #briochechocolat #briochesalcioccolato #briochessalate

Nessun commento

Powered by Blogger.