Rubriche



In viaggio per le Marche : Giorno 1/4

le marche


Tour Marche Giorno 1 : Chiesa di San Vittore alle chiuse di Genga; Fabriano.

1) Roma-Fabriano. Per festeggiare l'anniversario di matrimonio decidiamo di visitare le Marche, ma stavolta in anticipo perché Margherita è all'ottavo mese di gravidanza e questo sará l'ultimo viaggio in due. E cosí vada per le Marche. Visiteremo soprattutto la marca maceratese montagnosa e collinare.

Chiesa di San Vittore alle chiuse di Genga; Fabriano.



Il fulcro sará Fabriano (An), cittá della carta. Da Roma ci mettiamo 2:40 per arrivare attraversando splendide cittadine umbre come Narni, Spoleto, Trevi, Nocera Umbra, Gualdo Tadino.

Chiesa di San Vittore alle chiuse di Genga; Fabriano.

2)A Fabriano alloggiamo al b&b antica loggia, in una zona di periferia. Il proprietario è gentile ma la struttura non sembra molto curata e ha un grande difetto: manca il bidet, sostituito da un tubo collegato ad un sifone. Riposati un pó, partiamo per l'abbazia di San Vittore alle chiuse ai piedi delle Gole di Frasassi. Dista 20 minuti ed è un bell'esempio di stile romanico che con il ponticello gotico di fronte rende il luogo molto grazioso. Entriamo e facciamo appena in tempo a notare l'inciviltá di chi ha scritto sulle colonne,ma poi notiamo le firme con la data..1922, 1907...Dato lo stato interessante di Margherita dovremo saltare due meraviglie della zona: le grotte di Frasassi e il Tempio del Valadier, incastonato in un anfratto roccioso, raggiungibile solo a piedi dopo una salita di 700 metri.

Chiesa di San Vittore alle chiuse di Genga; Fabriano.
3) Tornati a Fabriano, visitiamo il museo della carta e della filigrana. È un tuffo nel passato quando nel giorno di disegno tecnico portavo la mia cartellina e il carnet di fogli Fabriano. Costo del biglietto 7 euro. Alle 18:00 parte la visita guidata che ci mostra la storia dell'importazione della carta dalla Cina, tramite gli Arabi. Perché proprio qui non si sa. Pensavo fosse legata alla presenza di alberi e di acqua. In realtá, la cellulosa veniva ricavata dagli stracci fino al 700 quando la produzione diventa industriale. Nel Novecento la produzione diventa statale fino alla vendita delle cartiere ad un gruppo veronese. La visita è interessante e le filigrane in mostra sono molto belle.  La guida ci racconta che la carta riciclata comporta altri problemi perché salva gli alberi ma è inquinanate per la necessitá di sbiancare la carta utilizzata. Alla guida siamo simpatici cosí ci regala un libricino su abbazie e monasteri tra Marche e Umbria e noi ne vedremo un pó.

Chiesa di San Vittore alle chiuse di Genga; Fabriano.
Terminiamo la serata con un passeggiata nel bel centro di Fabriano, dove apprezziamo la piazza del Comune e il loggiato dove viene girata la fiction "Che Dio ci aiuti". Margherita è in visibilio dato che combatto puntualmente con lei per non vederlo. Passiamo sotto un bell'arco a sesto acuto e dopo il Mercato Coperto visitiamo la Chiesa di San Nicoló, grazie al prete che accende le luci solo per noi, dove si trova l'Osteria La Marchegiana. Sempre pienissima a pranzo e cena nel weekend, ci salviamo perché è giovedí. Ci è stata suggerita sia dal b&b sia dalla guida.

Chiesa di San Vittore alle chiuse di Genga; Fabriano.

Cosí entriamo e ordiniamo un pó di prodotti tipici, anche se la pizza Zozzona ci intriga. Io prendo un antipasto Oro delle Marche con salame di Fabriano, pecorino dei Sibillini, zuppetta di fagioli, crostino con carciofi e lonzino di fico (una specie di salsiccia dolce a base di fichi, noci e miele). Poi salto I tipici Vincisgrassi per provare dei ravioloni ripieni di pecorino e ciauscolo (un salame spalmabile locale) con un Verdicchio al calice. Margherita prende agnello in potacchio dal sapore molto aromatico.

Chiesa di San Vittore alle chiuse di Genga; Fabriano.

Tutto molto buono a parte qualche difetto nel servizio (I fagioli al posto dei ceci andavano accennati prima di portarli a tavola) e nel cibo (porzione della carne un pó piccola e con troppe ossa e ravioli troppo burrosi). Ricotta e miele all'anice e idromiele (un vino di miele fermentato). 53 euro in due. Siamo soddisfatti. Ci godiamo ancora un pó Fabriano e si va a letto presto.

Chiesa di San Vittore alle chiuse di Genga; Fabriano.

Articoli correlati:





paypal




Articolo aggiornato al 30/01/2020
www.temporealechannel.com
#temporealechannel #viaggi #marche #like #borghi











Popular Posts

Gösser la Birra Austriaca

Loburg, lo champagne delle birre

Festival Barocco Napoletano quarta edizione.